modella-1

Borse di studio a copertura totale per il Master in Luxury and Fashion Management

BORSE DI STUDIO

6 BORSE INPS
10 BORSE LINK CAMPUS UNIVERSITY

Vademecum, Bando e domanda di partecipazione

Finalità

Il Master di primo livello in Luxury and Fashion Management mira a formare profili d’eccellenza nella gestione dei beni di lusso e della moda.

Il percorso di studi offre allo studente una preparazione completa, che si pone come obiettivo la comprensione approfondita non soltanto delle peculiarità del mercato del lusso, ma anche del Sistema Moda nel suo complesso, con la possibilità di integrare competenze teorico-pratiche più specifiche della Comunicazione e del Marketing.

A partire dalle realtà aziendali Couture, dai brand più noti a quelli emergenti e senza escludere specificità dell’industria di settore con relativi prodotti e servizi, il Master si focalizza su numerosi temi, tra i quali si evidenziano, il Made in Italy, le dinamiche della marca orientate alle pratiche gestionali, l’internazionalizzazione, l’innovazione, la sostenibilità e il digitale per il consumatore social omnicanale.

Il corso approfondisce in modo sinergico i processi creativi e operativi della gestione d’impresa, rivolgendosi soprattutto a coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro con un profilo professionale specializzato e in grado di affrontare i mercati di riferimento, in scenari altamente mutevoli e concorrenziali.

Il programma è articolato in contenuti multidisciplinari che, alternandosi a seminari, workshop, laboratori di approfondimento, case histories, visite aziendali ed esperienze dirette, hanno lo scopo di garantire ai partecipanti la valorizzazione di capacità e sensibilità personali, unitamente all’ampliamento di conoscenze e caratteristiche che permettono al partecipante di diventare un professionista di alto profilo, con linguaggi e modalità specifici di operatori dei canali del luxury fashion che, peraltro, compongono il corpo docenti.

In corrispondenza delle reali esigenze di imprese e mercati, ai quali il Master in Luxury and Fashion Management si riferisce, il progetto formativo coinvolge aziende del campo con l’obiettivo di fornire, da un lato, una base consona alla visione funzionale degli attuali scenari che caratterizzano le sfere del lusso e della moda e, dall’altro, confacente alla definizione degli aspetti strutturali dei contesti e dei sottosistemi di imprese in cui ci si presta ad operare.

La possibilità di scegliere tra due percorsi di approfondimento secondo personali attitudini e propensioni, permette altresì di approcciare molteplici opportunità lavorative in aziende, in società di consulenza, in agenzie di servizi e negli ambienti di media entertainment, come internet, advertising, editoria specializzata, televisione e cinema.

 

Sbocchi professionali

Il mondo del lavoro nel lusso e nella moda, oggi, richiede una figura manageriale capace di unire competenze gestionali e conoscenze operative a una rilevante attitudine per i contenuti creativi, tale da potersi interfacciare sia con tutte le professionalità con le quali viene a contatto sul lavoro, sia con gli stakeholders degli ambienti di riferimento.

In particolare, si favorisce un nuovo approccio manageriale che pone grande attenzione a immagine e identità di marca, marketing, comunicazione, strategie digitali e social media, sia per il confronto diretto con tendenze e modelli di business di successo e lo sviluppo di una rete di contatti di cui fanno parte gli stessi professionisti della faculty sia per l’acquisizione di altre skills, quali pensiero critico, decision-making, capacità logico-analitiche, familiarità con i software di settore, in particolare quelli in uso per il customer relationship management.

Le prospettive occupazionali verso cui l’offerta formativa è indirizzata riguardano vari contesti manageriali d’impresa, agenzie di servizi dedite ad eventi, pubbliche relazioni e advertising, ambiti di business consulting, di ricerca e sviluppo, di indagine relativa alla customer experience e all’internazionalizzazione strategica per strutture societarie complesse e modelli distributivi innovativi. Non ultime, si includono forme di autoimpiego e autoimprenditorialità sulla base delle inclinazioni dei partecipanti, delle professionalità che, come le altre, vengono formate e orientate all’eccellenza e alle multiformi interazioni tra sistema moda e bisogni del mercato.